Formignana

 
 

Sabato 13 Agosto 2011 ore 13:00 circa, il primo di due motori stellari da 18 cilindri viene estratto dal terreno dopo qualche tentativo da parte del manovratore. Tutt’intorno, più di 30 persone, applaudono festanti guardando il grosso ammasso di terra e alluminio ancora gocciolante di olio motore a acqua.


Ma partiamo dall’inizio. Una mattina di Dicembre, Ferrari Alberto si trova per lavoro  nei pressi di Formignana e mentre acquista le sigarette, viene a con conoscenza, da un anziano in fila come lui, di un aereo che al tempo di guerra si era schiantato presumibilmente nei pressi.

Un po’ attonito Alberto inizia la sua ricerca ufficiosa tra le sue tracce, fino ad organizzare il primo sopralluogo preliminare alla ricerca di qualche indizio in più. Non si trovava molto dell’avvenimento, non vi erano dichiarazioni di dispersi in azione o di schianti dalle fonti ufficiali  e questo creava non pochi problemi.


Giovedì 26 Maggio Alberto e altri due componenti del gruppo, Paolo Borghi e Guerrino Taglioni si recano sul posto e, un po’ allo sbaraglio, indagano per cercare una pista. Due anziani sulla panchina della piazza restano interdetti quando vengono braccati e riempiti di domande, ma la loro grande disponibilità ci invita a recarci nella zona adiacente al centro cittadino dove si trova un edificio chiamato  “FRIGO”. Una volta spostati sul posto Alberto e gli altri chiedono alle prime persone incontrate un riscontro sulla storia.

Grazie alla loro gentilezza arriviamo ad avere il nome del fattore nella cui proprietà dovrebbe essere precipitato il velivolo.


Dopo una breve ricerca riusciamo a contattare il Dott. Mari Alessandro, proprietario del terreno, che inaspettatamente ci dichiara che era addirittura presente al momento dell’impatto. Costernati ci facciamo indicare nei giorni seguenti il luogo esatto dell’impatto.



Dopo un breve sondaggio con esito positivo si decide di programmare un “prescavo” con un piccolo mezzo di movimentazione terra per vedere cosa affiora.



L’esito molto confortante del prescavo ci obbliga a programmare lo scavo definitivo in stile Romagna Air Finders per il 13 Agosto 2011. Incredibilmente NON troviamo alcun imprevisto burocratico e nessun vincolo per la riuscita, il tutto grazie al presidente ed ai suoi più stretti collaboratori i quali sono riusciti a trovare un felice accordo con tutti gli enti e le proprietà interessate.




Allo scavo erano presenti ragazzi della“ Gotica Toscana” e altre presenze ambite.



Si Ringrazia di cuore:


Comune di Formignana (Fe.) e il suo  Sindaco Marco Ferrari,

Il Dott. Mari Alessandro proprietario del terreno interessato allo scavo,

Il Sig. Floriano Beccari conduttore del fondo agricolo interessato alloscavo,

Sig. Luca Razzaboni  e la ditta General Beton S.R.L. di Mirandola (Mo.),

Dott Lorenzo Capellari e personale Croce Rossa Comitato prov.le di Ferrara,

La Patfrut Soc. Coop.Agr. per il Piazzale prestato,

Il Comando Carabinieri Stazione di Tresigallo,

Il col. Nicola de Nicola e la ditta I.R.E. del Dott. Danilo Coppe,

Sopraintendenza Beni Artistici e Storici e Ispettore Giuseppe Lazzari di Bologna,

Al gruppo Alpini di Argenta,

Alla Protezione Civile di Formignana,

alla dtta V&P di Bruno Valgimigli,

Alla Cooperativa Agricola Braccianti di Fusignano (Ra.)

Ai rappresentanti della "Gotica Toscana"

Alla Associazione Arma Aeronautica di Ferrara,

Alla ditta Tenani,

alla Maestra Lidia Brignani Madrina dello Scavo,

A tutti i Ragazzi della Romagna Air Finders per il prezioso impegno profuso,

Alla equipe della cucina attività indisoensabile in queste occasioni.

 

La Storia del Recupero